Chiara ed Enrico: storia di un successo di vita

Blog > > Chiara ed Enrico: storia di un successo di vita
12 aprile 2021

 

A fine 2019 svolgiamo una ricerca per un ruolo di impiegato amministrativo  part-time per un’azienda di Forlì: tra le candidature pervenute c’è quella di Chiara: 35 anni, laureata in Economia, con un’ottima esperienza ed un lavoro che, pur soddisfacendola, la occupa ben oltre le canoniche otto ore giornaliere. Chiara desidera un’occupazione part-time per avere più tempo libero a disposizione. Chiara supera brillantemente tutta la serie di colloqui di selezione e viene assunta. 

Siamo arrivati così ai primi giorni di febbraio 2020. Appena pochi giorni prima della chiusura forzata per il primo lock-down, veniamo contattati da un giovane e brillante ingegnere, di nome Enrico. In quel momento non abbiamo nulla per lui, ma il suo curriculum mi colpisce. Mi annoto il suo nome nella speranza di poter ricevere una richiesta da parte di un’azienda. 

Purtroppo i giorni, le settimane ed i mesi passano, con l’economia schiacciata dal Covid, finché un bel giorno, ai primi di ottobre, si concretizza un’opportunità: un’azienda nostra cliente ricerca una figura simile a quella di Enrico. 

Lui si candida all’offerta sul nostro sito precedendomi (l’avrei sicuramente chiamato io). Il primo colloquio, in videochiamata per cause di forza maggiore, va molto bene: il candidato ha tutte le caratteristiche ricercate e desidera cambiare lavoro per avvicinarsi a casa. Infatti Enrico abita a Forlì e lavora a Bologna, zona nord. Mi confessa che torna a casa la sera completamente esausto, dovendo far fronte ad un’attività lavorativa particolarmente impegnativa ed a tanta strada che lo porta ad essere a casa mai prima delle otto di sera. 

Fin qui, direte voi, cosa c’è di tanto particolare da esser degno di divulgazione? Ecco, ora arriva il bello della storia. Enrico è un ottimo candidato e risulta piuttosto convincente; difatti l’azienda cliente decide di assumerlo. Enrico inizia così a lavorare nella nuova azienda e qualche giorno fa, mi ha inviato una mail di ringraziamento, firmata da lui e dalla moglie Chiara. 

Sì, ho controllato in archivio, è proprio quella Chiara, ovvero la protagonista della prima parte di questo racconto. Si dicono molto contenti della situazione lavorativa attuale tanto che, finalmente, potranno coronare il loro sogno: adottare un bambino. 

Grazie al maggior tempo libero guadagnato con i nuovi incarichi lavorativi, non potendo purtroppo avere figli, hanno potuto intraprendere il percorso per un’adozione internazionale, la quale, molto probabilmente, si trasformerà in realtà a pandemia finita, ma ci ringraziano per l’opportunità che abbiamo loro concesso. Si dicono felici, perché nella precedente situazione lavorativa non avrebbero mai potuto adottare un figlio, in quanto perennemente fuori casa, mentre ora lo potranno fare. 

Che cosa ho risposto? 

Innanzitutto li ho ringraziati per la graditissima mail e per avermi fatto partecipe del loro progetto di vita, poi ho scritto loro che, semplicemente, noi non abbiamo nessun merito, se non quello di aver svolto bene il nostro lavoro: abbiamo selezionato due persone molto valide e che tali si sono dimostrate: Chiara ed Enrico sono due persone davvero eccezionali e quello che hanno ottenuto se lo sono guadagnato. 

Tutto qua. Noi gli abbiamo solo fornito l’opportunità di dimostrare il loro valore. A questa pagina troverai tutte le offerte di lavoro del nostro Studio.

Trova il tuo lavoro ideale!

Iscriviti al nostro sito. Sarà nostra cura trovare il lavoro migliore per te.

Invia il tuo curriculum