I 5 trend del mondo del lavoro nel 2021

Blog > Candidati > I 5 trend del mondo del lavoro nel 2021
7 gennaio 2021

 

Come cambierà il mondo del lavoro nel 2021? Che ruolo avranno gli uffici in un mondo post pandemia? Come gestiremo l'organizzazione e la relazione con i dipendenti ed i colleghi? Ma soprattutto quanto siamo cambiati noi?

Queste sono le domande che hanno riecheggiato in molti meeting di fine anno. Tra i mille dubbi e paure che sono sorte a causa della pandemia, ognuno di noi anela a delle certezze. 

Ma la certezza è una sola: il lavoro come lo abbiamo vissuto fino a febbraio del 2020 non c'è né ci sarà più. Noi stessi siamo profondamenti cambiati e ciò segnerà il futuro.

Sicuramente l’anno post pandemia sarà il 2022, per quest’anno o per buona parte di esso dovremo ancora fare i conti con il covid. Però il 2021 sarà l'anno delle sfide, delle sperimentazioni, del mettersi alla prova: per chi le aziende le guida, per gli HR manager, per tutte le persone alla ricerca del lavoro o dei giusti riconoscimento professionali.

L'obiettivo però sarà unico per tutti: realizzare un nuovo modo di lavorare smart ma che riesca a coniugare la produttività ed il valore umano.

L’ufficio del futuro

La professoressa Ashley Whillans della Harvard Business School ha ipotizzato un cambio drastico della formula del lavoro dalle 9 alle 5 che potrebbe tramutarsi in un 3-2-2: tre giorni in ufficio, due a casa, due di totale disconnessione. 

Molte ricerche dimostrano che lavorare alcuni giorni alla settimana da remoto aumenta l’efficienza. Tuttavia naturalmente influiscono sulla produttività da remoto il tipo di attività ed i mezzi tecnologici a disposizione delle persone. 

Ciò comporta due punti fermi da non sottovalutare: il primo, che l'80% della popolazione mondiale fa lavori che in teoria non possono essere fatti da remoto; il secondo è che anche chi può lavorare da casa ha bisogno di momenti in ufficio per mantenere alta la produttività.

La sfida sarà ridisegnare gli spazi lavorativi per renderli più smart e produttivi.

Ridisegnare le relazioni lavorative

Dobbiamo riprogettare il lavoro per permettere alle persone non soltanto di essere produttive, ma di stare bene, coscienti del fatto che quello “stare bene” è diverso per ognuno di noi.

L’azienda è sempre di più una comunità di persone, parafrasando Adriano Olivetti. Oggi il benessere dei dipendenti è imprescindibile dalla produttività.

Questa pandemia l’ha dimostrato. Un dipendente sano e felice è anche produttivo. Viceversa non possiamo chiedere sforzi ai nostri dipendenti se anche noi non ci rimbocchiamo le maniche.

Se si vogliono attrarre i nuovi talenti dobbiamo riprogettare il mondo del lavoro come un abito su misura calzato a pennello.

Empatia significa leadership

La leadership del futuro deve basarsi sull’empatia e non sulla paura. Secondo l'Harvard Business Review, il 2021 sarà l'anno della leadership che si fonda su empatia e saggezza. L’empatia è, in campo professionale,avere intenzioni positive ed una reale preoccupazione e/o interesse per gli altri.
L'empatia crea relazioni più salde tra le persone, migliora la collaborazione, aumenta la fiducia e la lealtà. E soprattutto è ascolto continuo, ovvero permette di ottenere una profonda comprensione delle persone, ed è il punto centrale per mettere ognuno nelle condizioni di dare il proprio meglio.

Superuomo o superteam

E’ purtroppo finita l’epoca dei fantasisti ed iniziata l’epoca dei mediani. Durante la pandemia, i team hanno dimostrato di essere il cuore delle aziende. In gruppo si impara e si cresce, ma soprattutto si fa innovazione e ci si adatta più velocemente ai cambiamenti.

Il covid lo ha dimostrato: da soli non possiamo affrontare sfide così gigantesche. 

La sfida che possiamo affrontare nel 2021 secondo lo Human Capital Trend di Deloitte è costruire dei “superteam” per ottenere vantaggi e soluzioni a problematiche che finora erano rimaste insolute. 

La formazione, la cultura e l’innovazione tecnologica sono e rimarranno le chiavi d’accesso per il futuro mentre i superteam diventeranno i mezzi per accedervi.

Smart working ma stavolta reale e non forzato

Nel 2021 le aziende dovranno cominciare a sperimentare il vero smart working, che non è né remote working né home working: nulla a che vedere, insomma, con quanto vissuto nel 2020, per dirla con chiarezza.

Lo smart working è un cambiamento profondo del modo di lavorare, perché dà spazio al valore delle persone mettendole alla prova non più all'interno di orari di lavoro definiti e schemi prestabiliti, ma di fronte ad obiettivi semplici, misurabili, raggiungibili, rilevanti e settati nel tempo. Si deve davvero passare dalla misurazione del tempo, alla misurazione degli obiettivi; un cambio di mentalità insomma.

Scegliere lo smart working significa preferire fiducia e trasparenza a comando e controllo.

La sfida che ognuno di noi deve affrontare però è un'altra: essere co-protagonisti di questo processo di cambiamento. Siamo tutti imprenditori di noi stessi e tutti viviamo sullo stesso pianeta. Dobbiamo partire da noi stessi per disegnare nuovi modi di pensare, vivere e lavorare.

Grazie per la lettura, trovi le offerte di lavoro qui.

Trova il tuo lavoro ideale!

Iscriviti al nostro sito. Sarà nostra cura trovare il lavoro migliore per te.

Invia il tuo curriculum