Linkedin e l'hashtag #opentowork

Blog > Candidati > Linkedin e l'hashtag #opentowork
15 luglio 2020

 

In queste ultime settimane sta spopolando su LinkedIn l’hashtag #opentowork associato alla cornice verde che si può inserire all’interno della foto del profilo. Ma cosa sta succedendo in questo social? Ed è davvero efficace questo nuova feature per trovare lavoro?

Facciamo un passo indietro per comprendere appieno questo fenomeno. LinkedIn è stato lanciato nel 2003, fra pochi mesi questo social network diventerà maggiorenne e di strada ne ha fatta veramente tanta: diventando uno strumento fondamentale per ogni professionista.

Il nostro studio è stato uno dei primi in Italia ad utilizzarlo. Sono ormai 15 anni che il profilo di Fabio Mantini e la pagina aziendale sono attive su LinkedIn?.

In questi anni questo social network è cambiato tantissimo, inizialmente ero un enorme contenitore di curriculum e competenze online. Negli anni è diventato un bellissimo strumento per fare networking e business online.

Dal 2017 ogni profilo può segnalare a noi recruiter il proprio interesse a ricevere offerte di lavoro. La novità odierna consiste nel fatto che tutti ora possono comunicarlo a tutti i loro contatti con l’hashtag #opentowork e la cornice nella foto.

Che cos’è #opentowork

Nelle ultime settimane tantissime persone hanno iniziato a interagire con la propria rete di collegamenti creando post dove si proponevano come candidati per determinati posti di lavoro. In pratica chiedevano un aiuto ai propri collegamenti per trovare lavoro, o un'offerta di lavoro migliore. Tutti questi post avevano in comune l’hashtag #opentowork, che in poco tempo è diventato virale su linkedin.

Ad oggi (15 luglio 2020) i risultati ammontano a quasi 479.550 e l’hashtag è seguito da 24.379 follower! Sappiamo bene che gli hashtag su LinkedIn sono molto importanti e hanno una funzione diversa rispetto agli altri social network, perciò questo movimento sin da subito è diventato molto visibile.

Ma come si fa a trovare lavoro su Linkedin?

Per prima cosa bisogna creare un proprio profilo adeguato e professionale. Ogni strumento ha le sue tecniche ed i suoi tecnicismi e bisogna conoscerli.

Il secondo passo è inserire le parole chiave giuste nel tuo profilo per essere notato/a, perché difatti questo social è diventato un motore di ricerca di competenze e curriculum. Insomma esiste una vera e propria SEO Linkedin e bisogna curarla per bene. 

Il terzo passo è creare relazioni grazie a contenuti utili ed efficaci. Puoi leggere l'articolo su come usare LinkedIn per trovare lavoro cliccando qui. 

Ricorda bene, come in tutte le cose la strategia è la parte più importante, quindi prenditi il tempo che ti serve e sviluppala in maniera adeguata.

Un mondo di connessioni orizzontali

Questa piccola rivoluzione non è iniziata oggi; dall'avvento del web e in particolare dei social network il mondo è passato da essere verticale e verticistico ad orizzontale e più democratico. Chiedere aiuto ai propri collegamenti e conoscenti per trovare lavoro dimostra l'utilità dei social network e la potenza delle relazioni nel mondo odierno.

Questo sia chiaro non significa che noi recruiter e il recruitment in sé andranno in pensione. Trovo personalmente molto interessante questo fenomeno e sono molto contento, da professionista, che le persone rivolgano sempre più tempo ed attenzioni alla ricerca del lavoro giusto.

Uno strumento come Linkedin e un fenomeno come #opentowork non sostituiscono il lavoro prezioso dei recruiter, ma lo integrano ed offrono più strumenti ai professionisti della selezione del personale per svolgere al meglio il proprio lavoro .

In un mondo che va sempre più veloce e dove il rumore di sottofondo è sempre più alto, è sempre più difficile, nonostante i maggiori mezzi a disposizione, trovare la persona giusta per quel determinato ruolo.

Per questo ogni innovazione che comporta una maggiore conoscenza ed una maggiore condivisione di informazioni non può far altro che aiutare tutti, in una logica di bene comune superiore.

Infine ritieniamo che questo fenomeno non sia stato causato dalla paura scaturita dalla grave situazione economica, sanitaria e sociale, ma che sia la prova della voglia di crescita che tutti noi abbiamo.

Quindi non possiamo far altro che dire buon #opentowork a tutti!


Trova il tuo lavoro ideale!

Iscriviti al nostro sito. Sarà nostra cura trovare il lavoro migliore per te.

Invia il tuo curriculum